Cambia il corpo, cambiano le relazioni

Friday  3 March  2017  9:00 PM    Friday  3 March  2017 11:00 PM
Save (24) Saved (25)
Last update 04/03/2017
  82

Qual è il compito dei genitori in questo percorso di crescita? Come stare vicini ai propri figli in modo propositivo? Quale controllo esercitare? Come parlare ai figli della sessualità? A queste e altre domande abbiamo chiesto di rispondere a Mariarosa Giolito, ginecologa e sessuologa, Direttrice dei Consultori Familiari e della Pediatria di Comunità dell’ASL To2.

Il rapporto con il “corpo in cambiamento” è uno dei primi compiti che un adolescente deve affrontare. Nell’infanzia, i “padroni” del corpo del bambino sono i genitori. Durante l’adolescenza invece, sono i ragazzi che devono rapportarsi con un corpo che cambia, che assume forme molto diverse da quelle infantili ed è percorso da flussi ormonali che modificano l’umore, gli interessi e lo stile di vita. C’è chi si sente in sintonia con il suo “nuovo” corpo, è già maturo per le trasformazioni che stanno avvenendo, si sente bene nella propria pelle e chi, al contrario, vive una profonda insicurezza: si sente inadeguato, fragile, brutto, ha paura del giudizio degli altri e cerca continue rassicurazioni. Nei casi più estremi, c’è chi si rifiuta di crescere. Il corpo viene allora ignorato, oppure nascosto allo sguardo degli altri sotto enormi maglioni unisex, oppure – ancora – rifiutato e tenuto “sotto controllo” come nell’anoressia. I ragazzi e le ragazze si trovano alla ricerca di una propria auto-consapevolezza identitaria e la sessualità è un fondamentale tassello nella costruzione dell'identità di genere.
Oggi questo percorso viene, spesso, affrontato dagli adolescenti con sempre meno tabù e maggiore ostentazione. La fotografia scattata dal Censis del rapporto che i giovani hanno con la sessualità mette in evidenza come i primi rapporti arrivino poco dopo i 16 anni ma si aspettano i 17 anni per arrivare fino in fondo ed avere un rapporto sessuale completo. Quasi il 93% degli intervistati ultimi dichiara di stare sempre attento per evitare gravidanze, ma non tutti (il 74,5%) si proteggono sempre per evitare infezioni e malattie a trasmissione sessuale. Ed è proprio sulla distinzione tra contraccezione e prevenzione che i giovani non hanno le idee chiare.

INFO: Gruppo Abele – Progetto Genitori&Figli
011 3841083 - genitoriefigli@gruppoabele.org

(Immagine di Ryan McGinley)

photography
Nearby hotels and apartments
Gruppo Abele - Genitori & Figli
Via Sestriere 34, Turin, 10131, Italy

Gruppo Abele - Genitori & Figli Commento inserito tramite Facebook
-- 03/03/2017 09:42
La serata è ingresso libero. Alle 21 inizia l’incontro per gli adulti con Mariarosa Giolito e contemporaneamente i laboratori per bambini/e per ragazzi/e. Vi aspettiamo numerosi!

Gruppo Abele - Genitori & Figli Commento inserito tramite Facebook
-- 27/02/2017 18:23
La serata è ingresso libero. Alle 21 inizia l’incontro per gli adulti con Mariarosa Giolito e contemporaneamente i laboratori per bambini/e per ragazzi/e. Vi aspettiamo numerosi!

Gruppo Abele - Genitori & Figli Commento inserito tramite Facebook
-- 26/02/2017 11:06
A marzo il tema che caratterizza le attività proposte alle famiglie nelle attività del venerdì sera è il rapporto con "il corpo in cambiamento": uno dei primi compiti che un adolescente deve affrontare. Con i genitori vogliamo condividere la riflessione su come accompagnare questo percorso trovando le giuste "distanze". Questa prima serata, a ingresso libero, inizierà alle 20 con la cena, per chi lo desidera (prenotazione obbligatoria). Alle 21 inizia l’incontro per gli adulti con Maria Rosa Giolito, ginecologa e sessuologa, e contemporaneamente i laboratori per bambini/e per ragazzi/e. INFO 011-3841083 - genitoriefigli@gruppoabele.org
Gruppo Abele - Genitori & Figli
Via Sestriere 34, Turin, 10131, Italy
Is this your event? Claim it now

Make sure your information is up to date. Plus use our free tools to find new customers.