Fabrizio Villa. People

Fabrizio Villa. People
Image from arte.go.it
Sat 1 February 2020
Saturday 1 February 2020
0:00 AM
Ended

Generic selectors
Exact matches only
Exact matches only
Search in title
Search in title
Search in content
Search in content
Search in excerpt
Search in posts
Search in posts
Search in pages
Search in pages
Hidden
Hidden
altri risultati...
Trova le Mostre e gli Eventi nella tua Città
|
Segnala il tuo Evento
« Tutti gli Eventi
Fabrizio Villa. People
sabato 1 Febbraio 2020
-
giovedì 27 Febbraio 2020
«
Van Eyck. An optical revolution
Silvia Senna. Architetture liquide
»
sede:
KoArt – Unconventional Place (Catania).
cura:
Aurelia Nicolosi, Marilina Giaquinta
.
Sono cinque i lavori in mostra. Tra questi Chef all’Opera, selezionata dal “New York Times” tra le foto più rappresentative del 2019, che sarà presentata al pubblico per la prima volta.
Dal 1988 Fabrizio Villa si dedica al fotogiornalismo con servizi che raccontano storie, uomini, avvenimenti del suo tempo.
Le sue fotografie sono documentazioni per immagini del disagio sociale ed esistenziale dell’uomo contemporaneo, grandi eventi, scenari bellici e fenomeni naturali, spesso legati alla sua terra, come le eruzioni dell’Etna.
L’autore ama osservare ciò che lo circonda dall’alto: da un elicottero, dalla terrazza di un grattacielo, dal palco di un teatro.
La sua è una prospettiva totalizzante e spesso inedita: si allontana dal soggetto per osservarlo  nella sua complessità.
Le opere della mostra People possono essere considerate come “ritratti collettivi”, “paesaggi umani” in cui il fotografo invita l’osservatore a cercare nella moltitudine di colori e dettagli, i volti e le forme individuali.
C’è vita – c’è la vita –   nelle immagini panoramiche di Fabrizio Villa.
Conta l’elemento architettonico o naturale, conta il cromatismo esaltato da composizioni di grande impatto, ma per l’autore conta soprattutto l’elemento umano: corpi rimpiccioliti dalla prospettiva, ombre a volte quasi invisibili, così simili, eppure distinte.
Sotto un ombrellone, durante una delle feste più importanti d’Italia, in una performance artistica, dentro un teatro o durante una missione di salvataggio in alto mare.
La  sua visione dall’alto sembra voler cercare l’uomo e descrivere il suo rapporto tormentato con la Terra e la Natura.
Un’indagine a tutto tondo che racconta l’Antropocene nelle sue molteplici stratigrafie.
Ecco che la mostra diventa un racconto sintetizzato in cinque scatti di grandi dimensioni in cui è racchiuso tutto lo spirito dell’artista, che, con verismo e lealtà, ritrae contemporaneamente la magnificenza e la fragilità della nostra società.
Immagini indelebili della trasformazione contemporanea.
Fabrizio Villa – scrive nel suo testo, la curatrice Marilina Giaquinta – rappresenta la “gente” come puntini lontani e indistinguibili, sparsi su frecce direzionali, quasi un pendant di colore con le acque scure del lago (e non importa se si tratta del ponte galleggiante sul Lago d’Iseo dell’artista Christo Yavachev), come fiume straripante di devoti che ricopre la piazza e la via in un magma arginato dall’austerità delle chiese e dei palazzi barocchi, come corpi inerti fissi immobili, distesi al sole o sotto ombrelloni variopinti, come volti chiusi e addormentati di mamme e bambini in mezzo a stracci e a coperte di risulta, come angeli candidi in mezzo al velluto rosso del teatro lirico, quasi disegni di un tromp l’oeil, che rammentano i merletti del Teatro Olimpico palladiano. Puntini, colori, magma, coperte, biancore, senza volti, senza sembianze, folla unita e separata allo stesso tempo, mare della vacanza e mare della disperazione stanca, religione che non è preghiera ma culto, che non è spirito ma devozione”.
Fabrizio Villa con la sua visione dall’alto sembra voler cercare l’uomo e descrivere il suo rapporto tormentato con la Terra e la Natura.
Un’indagine a tutto tondo che racconta l’Antropocene nelle sue molteplici stratigrafie.
Ecco che la mostra diventa un racconto sintetizzato da cinque scatti di grandi dimensioni in cui è racchiuso tutto lo spirito dell’artista, che, con verismo e lealtà, ritrae contemporaneamente la magnificenza e la grettezza della nostra società.
Immagini indelebili della trasformazione contemporanea.
“È necessario sentirsi coinvolti in quello che si ritaglia attraverso il mirino. Fotografare è riconoscere, nello stesso istante e in una frazione di secondo, un fatto e l’organizzazione rigorosa delle forme percepite visualmente che esprimono e significano quel fatto. È mettere sulla stessa linea di mira la testa, l’occhio e il cuore. È un modo di vivere. Così parlava Henri Cartier-Bresson e Fabrizio Villa – spiega la curatrice Aurelia Nicolosi – sembra fare sua tale lezione: il viaggio e le persone, da cui il nome del progetto People, sono diventati i punti focali di una carriera costellata di esperienze molto potenti, che hanno raccontato l’uomo nelle sue molteplici trasformazioni e sfumature. Sono tutte lì, concentrate in uno scatto intenso, la speranza e la disperazione dei migranti colti in un momento di riposo taumaturgico, dopo il salvataggio in mare. Occhi chiusi, membra sparse e aggrovigliate alla ricerca di un contatto salvifico, che si contrappongono ai corpi anonimi delle spiagge assolate, bolle modaiole, anestetizzate contro i drammi quotidiani”.
Fabrizio Villa
Fotogiornalista, da oltre trent’anni anni intreccia con il suo lavoro testimonianze di eventi legati al disagio sociale, immigrazione, guerra con storie d’attualità, fenomeni naturali, ritratti di protagonisti del nostro tempo.   Giornalista professionista dal 2002, con i suoi scatti ha documentato la morte e la distruzione della Bosnia, l’Intifada in  Cisgiordania, i disastrosi terremoti della Turchia, le eruzioni dell’Etna, il lavoro degli ultimi carbonai calabresi, la dignità ferita dei nuovi poveri, la difficile condizione dei detenuti di religione islamica negli istituti di pena italiani ma anche la quotidianità di chi ha scelto di vivere nell’isolamento e nel silenzio seguendo una vocazione spirituale nei conventi di clausura. Nel 2004 l’Unione Stampa Cattolica italiana gli assegna il primo premio per una fotografia pubblicata sul “Corriere della Sera”, icona drammatica dell’immigrazione clandestina in Sicilia, fenomeno che ha documentato a lungo e da vari punti di vista raccontando gli sbarchi a Lampedusa e in altri luoghi critici della Sicilia, le condizioni di vita nei centri di accoglienza, ma anche seguendo le operazioni di soccorso sulle navi della Marina militare. Nel 2011 vince il Premio internazionale di giornalismo Maria Grazia Cutuli. Le sue immagini sono state pubblicate su quotidiani e periodici internazionali come “Corriere della Sera”, “Repubblica”, “Panorama”, “Famiglia Cristiana”, “Sport Week”, “Sette”, “il Venerdì di Repubblica”, “Vanity Fair”, “Der Spiegel”, “The Times”, “Paris Match”. Ha collaborato con agenzie internazionali come l’Associated Press, la France Presse e l’agenzia Contrasto. Rappresentato da Getty Images, collabora con “La Lettura”, supplemento culturale del “Corriere della Sera”, dove tiene una rubrica di fotografia. È specializzato in fotografia aerea. Molti suoi reportage sono diventati mostre.
Inaugurazione: sabato 1 febbraio 2020, ore 19:00
+ Google Calendar
+ Esporta in iCal
Dettagli
Inizio:
sabato 1 Febbraio 2020
Fine:
giovedì 27 Febbraio 2020
Categoria Evento:
Mostre
Tag Evento:
Arte
,
Aurelia Nicolosi
,
Catania
,
Fabrizio Villa
,
Fotografia
,
KōArt - Unconventional Place
,
Marilina Giaquinta
,
Mostra
Luogo
KOART – UNCONVENTIONAL PLACE
Via San Michele, 28
Catania
,
95131
Italia
+ Google Maps
Telefono:
339 7179005
Sito web:
www.galleriakoart.com
«
Van Eyck. An optical revolution
Silvia Senna. Architetture liquide
»
Trova le Mostre e gli Eventi nella tua Città
|
Segnala il tuo Evento
Arte
Aurelia Nicolosi
Catania
Fabrizio Villa
Fotografia
KōArt - Unconventional Place
Marilina Giaquinta
Mostra

11786 Views - 01/02/2020 Last update
culture
via san michele 28
koart unconventional place, catania, 95131, italia
339 7179005

Event from
arte.go.it

Are you an event organizer?
Create events for free. They will be immediately recommended to interested users.
Create event

Nearby hotels and apartments

koart unconventional place, catania, 95131, italia

Browse other venues in Catania
Discover now


Discover more events in Catania
Discover now



via san michele 28
koart unconventional place, catania, 95131, italia
339 7179005

Event from
arte.go.it


Are you an event organizer?
Create events for free. They will be immediately recommended to interested users.
Create event
  1. Catania
  2. via san michele 28
  3. Fabrizio Villa. People
 
 
 
 
Your changes have been saved.