Share
Information
Other

Concerti matinée su pianoforte Erard del 1879
come quello che Liszt possedeva ed usava a Villa d’Este
Il “suono” di Liszt a Villa d’Este
Concerti matinée su un pianoforte Erard del 1879
come quello che Liszt possedeva ed usava a Villa d’Este
V edizione - 15 gennaio - 23 aprile 2017
“Proseguendo per nuove strade…”
(dir. art. Giancarlo Tammaro)

---------------
COMUNICATO STAMPA della passata edizione
IL “SUONO” DI LISZT A VILLA D’ESTE
IV edizione - 3 gennaio – 24 aprile 2016

Concerti matinée su pianoforte Erard 1879
come lo strumento utizzato da Liszt a Villa d’Este

Villa d’Este a Tivoli

Domenica 3 gennaio, in occasione della prima apertura gratuita dei Siti e luoghi della cultura statali del nuovo anno, ha preso avvio a Villa d’Este Il suono di Liszt a Villa d’Este, la rassegna musicale nata nell’anno del Bicentenario della nascita di Franz Liszt (2011) e giunta ormai alla sua IV edizione.
La manifestazione è promossa ed organizzata dal Polo Museale del Lazio con la Direzione di Villa d’Este, l’Associazione Culturale Colle Ionci e la direzione artistica di Giancalo Tammaro. I concerti si terranno, come abitudine, nella Sala del trono, la domenica alle ore 11,15 (ingresso consentito in sala dalle ore 11,00).

Caratteristica peculiare dei concerti, è l’esecuzione di opere musicali riconducibili all’ambiente musicale lisztiano, su un pianoforte Erard del 1879, pressoché identico allo strumento che Liszt aveva in dotazione nel suo appartamentino a Villa d’Este.
Il titolo di questa nuova edizione introduce la volontà di aprire, quest’anno, a nuove esperienze musicali, ad autori che non necessariamente siano riconducibili a Franz Liszt o allo strumento protagonista, il pianoforte Erard, come è il caso del concerto di Joaquin Rodrigo in programma.
L’apertura è rivolta anche a nuovi strumenti e nuove combinazioni strumentali come la chitarra, sia sola che con il pianoforte; ad artisti non solo italiani e ad alcuni giovanissimi talenti, che meritano grande attenzione.
Un piccolo riguardo anche ad Alexandr Skrjabin, del quale è ancora in corso il centenario della scomparsa avvenuta nell’aprile 1915. Da segnalare pure il concerto che completa la trilogia degli Anni di Pellegrinaggio di Liszt, proposti nell’ambito della rassegna da Ivan Donchev in tre anni consecutivi : il primo volume dedicato alla Svizzera costituisce in effetti, per Liszt, l’apertura “verso il nuovo orizzonte” della musica ispirata dai luoghi visitati durante la sua vita errabonda.

L’ingresso ai concerti è gratuito e consentito solo fino ad esaurimento posti in sala previo ritiro di un coupon distribuito mezz’ora prima del concerto all’ingresso della Villa. La visita della Villa è a pagamento.