Share
Information
Other

Pagina Facebook Ufficiale del COMUNE di MONTELEONE
di PUGLIA (FG)
Monteleone di Puglia con i suoi 842 metri è il comune più alto della Puglia.
Il paese si colloca su un’altura, è punto di incrocio delle vie di collegamento tra la Campania e la Puglia, tra il Mar Tirreno e il Mar Adriatico.
Di qui passava l’antica via herculia, biforcazione della via traiana, e anche il regio tratturo della Transumanza, che fino a pochi decenni fa portava ancora i greggi dell’Abruzzo a svernare in Puglia.
Il territorio oscilla tra i 488 slm del torrente Avella, ai confini con Panni, ed i 987 slm di contrada Montagna, ha la vaga forma di un trapezio e si incunea tra i territori dei Comuni di Ariano Irpino, Savignano Irpino, Zungoli, San Sossio Baronia, Panni, Accadia, Anzano di Puglia e Sant’Agata di Puglia. L'altitudine media del territorio comunale è di 738 metri. Monteleone, grazie alla sua posizione e alla sua altitudine, è esposto alle correnti del vento che giungono da ogni direzione. E' stato il primo paese del subappennino dauno meridionale che ha usufruito di energia eolica. L'aria di questa terra è perfettissima, ma fredda e ventilata (T. Vitale).

L’aria salubre, la vicinanza di numerosi e fitti boschi, le ampie e gradevoli vallate, l’acqua sorgiva, la genuinità dei prodotti tipici e la dolcezza di questo borgo, rappresentano oggi un valido motivo per cominciare a porre Monteleone, insieme alle altre zone del Subappennino, tra gli itinerari turistici alternativi al mare. La configurazione orografica consente la realizzazione di un turismo rurale fatto di escursioni in montagna, nei boschi e nelle valli. Dal belvedere della villa comunale si può ammirare (180°) il gioco delle ombre lontane dell'Appennino Campano (Sannio), dell'Appennino Abruzzese, della Montagna del Matese, del Sub - Appenino Dauno Meridionale e il paesaggio collinare dell'Alta Irpinia.
Degne di nota sono le chiese di San Giovanni Battista, dell'Addolorata, la cappella di San Rocco, il Monumento ai caduti e una serie di interessanti portali in pietra che pongono in evidenza la bravura secolare dei maestri scalpellini di Monteleone (alcuni hanno partecipato alla costruzione dell'Altare della Patria e del Palazzo di Giustizia di Roma).